Al fianco dei territori per fornire oggi le soluzioni di domani utili a tutti: l’esempio di Capalbio (GR)

Insieme a Huawei nel supportare i piccoli centri del nostro Paese fornendo soluzioni tecnologiche e innovative utili a tutti. A disposizione anche strumenti tecnologici per ragazzi svantaggiati delle elementari e delle media, in modo da seguire la didatt

Sul confine tra Toscana e Lazio, con 12km di litorale e bellezze artistiche e paesaggistiche straordinarie, si può incontrare Capalbio, piccolo ma celebre comune della Maremma. Conosciuto su tutto il territorio nazionale per essere uno dei borghi più belli d’Italia e per località come l’oasi del lago di Burano protetta dal WWF, Capalbio rappresenta anche il tipico “piccolo comune italiano” con circa 4000 residenti e un territorio vasto e complesso in termini, ad esempio, di possibilità di connessione e accesso al web. È in questo contesto che – a partire dalle criticità emerse durante il lockdown – abbiamo deciso di fornire il nostro contributo attivo. Grazie a Huawei, Platinum Partner di Operazione Riorgimento Digitale e leader globale nel settore dello sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti, sistemi e soluzioni di ICT, abbiamo inviato a Capalbio 120 tablet e il relativo credito per attivare altrettante schede SIM: strumenti fondamentali per garantire a tutti la possibilità di continuare ad imparare online e partecipare attivamente alla didattica a distanza. Questi gli obiettivi principali del progetto “Tech to school” promosso dal comune di Capalbio insieme a iFund, alla Fondazione Capalbio e all’associazione culturale ‘Il Frantoio’

per dare aiuto concreto alle necessità del territorio.

«Dopo aver analizzato le richieste che ci arrivavano da parte delle scuole e degli abitanti del comune – un’area molto vasta e non troppo densamente popolata – ci siamo attivati con l’iniziativa “Tech to school”, pensata per garantire strumenti tecnologici utili ai ragazzi di elementari e medie che non se li potrebbero permettere rimanendo tagliati fuori dalla didattica a distanza» ci ha raccontato Sofia Capellini di iFund, coordinatrice del progetto che, nelle ultime settimane, si sta occupando della distribuzione delle nuove dotazioni tecnologiche alla popolazione. Questo, però, è solo il primo passo per rendere un piccolo comune come Capalbio un vero borgo “digitale” in grado di rispondere alle sfide di domani. Lì, come per molti altri territori italiani, sono molte le iniziative legate a connettività e digitalizzazione che potrebbero risultare decisive per chi decidesse di avere una vita lontana dalla città e diversa per ritmi e modalità. «Assistiamo ogni anno all’arrivo di nuove famiglie e, nelle scuole, a molti nuovi ragazzi: sono tante le famiglie che hanno scelto uno stile di vita green cambiando la propria residenza a Capalbio. Se si riuscisse a intervenire sull’aumento della copertura territoriale della banda larga o a garantire una connessione veloce per tutti nel centro del Paese, siamo sicuri che questa potrebbe diventare una meta perfetta anche per chi ormai lavora in smart working e non tornerà più alla routine pre-COVID» aggiunge Capellini aprendo a uno scenario dove realtà come Capalbio potrebbero trovare nuova linfa grazie proprio agli strumenti digitali.

Una testimonianza ed una prospettiva cruciale per portare avanti Operazione Risorgimento Digitale e garantire oggi le soluzioni e le competenze di domani.

Tim aderisce a

In collaborazione con

Con il patrocinio di

Federazione di settore

In collaborazione con