Roma, 10/08/2020

L'ambizione di Samsung, diventare leader nei processi di evoluzione digitale per il sociale

Migliorare l’esperienza delle persone e dare vita a un orizzonte di nuove possibilità: il grande progetto globale di innovazione digitale di Samsung.

Da diversi anni, il tema dell’inclusione digitale rappresenta il centro della strategia di responsabilità sociale di Samsung, multinazionale coreana leader globale nel settore dell’elettronica di consumo. La visione aziendale della Global Corporate Citizenship è legata, infatti, al concetto di “Enabling People”, vera e propria value proposition dell’azienda nel mondo.

Offrendo momenti di formazione per le generazioni future, la multinazionale permette agli innovatori di domani di raggiungere il loro pieno potenziale, e diventare i nuovi leader in grado di guidare i processi di evoluzione positiva in ambito sociale. È così che diventa quasi naturale per Samsung diventare alleata di Operazione Risorgimento Digitale, un progetto che fornisce una reale opportunità per mettere al servizio di tutti le proprie eccellenze in termini di innovazione e per favorire la diffusione della cultura del digitale, in tutti gli ambiti della comunità. 

Per contribuire a migliorare il sistema Paese rispetto al ritardo digitale, secondo Samsung, sarà quindi necessario agire su tre principali direttrici: formazione; evangelizzazione; collaborazione tra pubblico e privato.

Formazione perché è necessario che il mondo accademico, ma anche il mondo della scuola dell’obbligo, si attrezzi per fornire competenze digitali ai giovani, visto e considerato che la conoscenza digitale è - e sarà ancora di più nei prossimi anni - fondamentale per garantire l’inserimento nel mondo del lavoro.

Evangelizzazione perché è necessario raccontare il Futuro al meglio a tutte le categorie della società, con particolare attenzione a quelle più fragili. Un’ampia porzione della popolazione rischia di rimanere esclusa dalla società, se non conosce quelle che sono le opportunità/i servizi di accessibilità che il digitale può offrirle.

Infine, collaborazione tra pubblico e privato perché il tema dell’inclusione digitale diventi protagonista dell’agenda del governo, ma anche per assicurare che anche le aziende con uno specifico know-how in materia, possano collaborare fattivamente, tra loro e con le istituzioni, dando un contributo concreto alla digitalizzazione del paese.

A partire da queste considerazioni, nel nostro Paese  la vision di “Enabling People” si traduce quindi in diversi progetti di formazione digitale, pensati per diverse classi di età, come Samsung LetsApp e Samsung Innovation Camp, per gli studenti delle scuole superiori e universitari, e Samsung SAVE for Seniors, nato per offrire le competenze tecnologiche del team di Samsung Electronics Italia a favore dell’educazione digitale dei senior.

LetsApp è un programma di mentoring e di avvicinamento alle nuove tecnologie, organizzato dall'azienda in collaborazione con il MIUR per la scuola secondaria di secondo grado. Gli studenti sono incentivati a sviluppare l’attitudine creativa a risolvere problemi utilizzando le discipline STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics) e a lavorare in team per ideare proposte e realizzare progetti che contribuiscano a risolvere problemi ambientali e sociali. In tre anni, LetsAPP ha visto la partecipazione di ben oltre 70.000 studenti su tutto il territorio italiano.

Innovation Camp invece è un percorso di formazione gratuito offerto dall'azienda, in partnership con Randstad, per studenti iscritti alle università pubbliche italiane e per neolaureati che vogliono accrescere le proprie conoscenze e la competitività del proprio profilo professionale. Il corso, a supporto alla didattica, fornisce agli studenti competenze complementari a quelle fornite dall’università e fa da tramite tra mondo accademico e aziende favorendo l’inserimento degli studenti nel mondo del lavoro nel loro contesto territoriale.

Per aiutare invece un target di persone over 55 a familiarizzare con la tecnologia, l’azienda coreana ha organizzato SAVE for Seniors, un’iniziativa di volontariato aziendale. Attraverso una serie di lezioni i dipendenti dell'azienda mettono a disposizione le proprie competenze per spiegare come sfruttare la tecnologia per migliorare la propria vita di tutti i giorni e come utilizzare in sicurezza i propri smartphone. Gli argomenti trattati si pongono l’obiettivo di formare i partecipanti ai corsi sui principali temi della trasformazione digitale, nonché sui servizi online messi a disposizione dalle amministrazioni pubbliche.

Tre progetti, per tre diversi target accomunati – ancora una volta – dalla mission “Enabling people” che, in questo caso, si declina nella necessità di aiutare le persone ad acquisire gli strumenti, le conoscenze, la creatività e l’empatia necessarie a trovare il proprio posto nella società di domani.

Ed è proprio durante il periodo di lock down che Samsung ha sentito la necessità di rafforzare ulteriormente il proprio impegno nel nostro Paese e nel mondo, di far sentire la sua vicinanza, ai bambini, ai giovani ma anche agli anziani con i quali ha sempre dialogato e che dall’oggi al domani si sono trovati catapultati in una realtà completamente diversa.

Grazie ai vari progetti attivati, “SmartLearning”, “Smart Learning Kit”, “Summer Camp” e “Samsung per Milano aiuta”, la multinazionale ha incontrato virtualmente oltre 4.000 studenti e 60.000 docenti; inoltre rispondendo a più di 2.000 richieste di supporto telefonico, ha dato aiuto agli anziani trasformandoli in studenti desiderosi di apprendere come usare al meglio la tecnologia.

Ed è proprio da questo servizio offerto dai digital angel di Samsung agli over 65 che è nato “Bambini di oggi e di ieri – otto storie oltre lo schermo”, un progetto editoriale molto importante per l'azienda perché volto a superare la distanza fisica e digitale tra generazioni grazie alla narrativa. Le favole della buona notte raccontate dagli anziani nel corso delle telefonate sono state trasformate in racconti e portati poi ai bambini delle scuole elementari così da chiudere un cerchio, generando un sistema virtuoso di apprendimento e comprensione del digitale capace di toccare trasversalmente le generazioni e rimanere fedeli al “Enabling People”.


Una visione concreta, pratica e soprattutto coerente con la nostra missione di una scuola di Internet calorosa, gratuita e inclusiva con cui raggiungere milioni di cittadini italiani e portare a tutti la rivoluzione di Internet.

Tim aderisce a

In collaborazione con

Con il patrocinio di

Federazione di settore

In collaborazione con