Persone

Gaspare, ragioniere a 80 anni

E cittadino digitale di Niscemi a 82. Grazie a Operazione Risorgimento Digitale Gaspare scopre la rivoluzione di Internet e le grandi opportunità fornite dal mondo digitale

Ci rendiamo subito conto, però, che Gaspare non è una persona qualunque e la sua storia personale diventa un esempio per tutti quelli che, come lui, sono pronti a mettersi in gioco verso il mondo nuovo di Internet, pronti a utilizzare gli strumenti digitali per dare un senso nuovo alla propria quotidianità.

 

Da sempre Gaspare sogna Recanati: ha una vera e propria passione per la lingua di Dante e “L’infinito” di Leopardi è la sua ancora di salvezza in una vita che a lungo non gli ha dato l’opportunità di uscire dal paese, di allontanarsi “dalla provincia“. A Recanati non è mai riuscito ad andare ma, negli anni ’70, ha dovuto espatriare in Germania dove, per anni, ha fatto il pizzaiolo. Una volta rientrato a Niscemi, poi, un posto in comune come “tuttofare“ e il rammarico che, nonostante la voglia e la curiosità, non fosse disponibile per tutti un’adeguata formazione rispetto alla necessità di occuparsi della propria famiglia e dei propri cari. A 80 anni, però, Gaspare diventa anche ragioniere: nessuno può fermare la sua voglia di imparare.

 

Per Gaspare, quindi, Operazione Risorgimento Digitale diventa una vera e propria boccata d’ossigeno, un metodo per combattere la solitudine e, soprattutto, la porta d’ingresso ad una vera e propria cassetta degli attrezzi per i suoi sogni. Grazie a quello che scopre nelle tre settimane di corso “Come diventare cittadini digitali“, infatti, Gaspare riesce a superare la ritrosia verso “l’aggeggio infernale“ che è lo smartphone, scoprendo un mondo nuovo fatto di condivisione, affetti e relazioni. Grazie al digitale impara a condividere le sue fotografie, a popolare il proprio profilo Facebook e a trovare un modo nuovo per comunicare con la sua famiglia e i suoi nipoti, sparsi in tutta Italia. Se, una volta, si sentivano soltanto sotto le feste, il digitale gli permette di connettersi con loro in tempo reale, senza filtri né impedimenti. Il suo entusiasmo è tale che diventa impossibile per noi non provare a saperne di più. Per questo decidiamo di prenderci un pomeriggio insieme a lui, intervistandolo in uno dei luoghi simbolo di Niscemi: il museo dell’Arte e della Civiltà Contadina. Lui si presenta all’appuntamento con l’abito buono e ci racconta, stanza per stanza, la grande cultura contadina della sua terra. Poi si siede e, come se lo avesse fatto da tutta la vita, si fa intervistare e si racconta davanti alla telecamera.
 

Il set lo ha scelto lui: nella stanza dei telai Gaspare si sente a suo agio. Quei macchinari antichi, perfettamente conservati, sono la testimonianza del suo primo impiego, quando Internet era così distante da non essere neanche immaginabile. Oggi, però, proprio grazie al digitale, con Gaspare siamo continuamente in contatto: per certi versi è lui il primo testimonial di Operazione Risorgimento Digitale. Il progetto che, dopo tanto tempo, gli ha dato la possibilità di tornare ad alzare la testa e, soprattutto, non sentirsi più solo.

condividi la storia

Altre storie

Storie dei teacher e tutor della Scuola di internet per tutti

I nostri maestri: 120 persone, un’unica grande squadra.

A scuola di futuro con 42 Roma Luiss

La nuova generazione dei talenti digitali

Mygrants: informazioni, educazione e valorizzazione delle persone migranti

La storia della web app che, facendo emergere il potenziale inespresso dei migranti, utilizza la rivoluzione del digitale per fornire nuove soluzioni a un fenomeno destinato a far parte per sempre delle nostre vite.

Dietro le quinte de #LaScuolaContinua

Il servizio Help Desk di TIM in prima linea per fornire un supporto attivo e concreto alla scuola digitale di WeSchool.

#NottePrimadegliEsami

#LaScuolaContinua grazie al digitale e all’impegno di docenti e professori di tutta Italia

#LaScuolaContinua anche a Genova: il Tosca Hub

Una vera e propria web radio che, tutti i martedì, ha accompagnato la vita dei ragazzi dell’Istituto e di tutte le scuole medie genovesi

La stessa barca

Intervista a Alex Moscetta rappresentante della Comunità di Sant’Egidio

I ragazzi di Casal del Marmo

Con il COVID19 la vita in carcere è stata interrotta. Sospesi gli incontri con i parenti, le attività formative come anche quelle lavorative: per questo nasce il progetto Timettoincontatto

#LaScuolaContinua e, grazie alla didattica online, combatte contro il mostro COVID19

Succede a Parma in una seconda media, dove la didattica distanza ha portato alla nascita di giornalino e di un modo nuovo di fare scuola.

#LaScuolaContinua – Codogno

E continua grazie ad Anna, professoressa di italiano che ha spostato le sue lezioni sulle aule di WeSchool, e alla sua 5A, che nonostante l’emergenza #Covid19 si prepara per la maturità 2020.

#LaScuolaContinua a Chiari

E lo fa grazie a un mix di tecnologie accessibili a tutti e “a prova di quarantena”. Ne parliamo con il professor Angelo Rampini.

#LaScuolaContinua a Milano. Anche in quinta elementare

"Una maestra un po' speciale e una sfida lanciata ai suoi bambini per riuscire a portare lampi di creatività anche dentro alla quarantena!"

#LaScuolaContinua a Latina, dall’asilo alle medie

E lo fa grazie a un prof di tecnologia un po’ speciale e all’impegno di tutti i suoi colleghi.

Portare Internet a tutti: storia dei “Digitalist”, gli evangelisti del digitale

Ettore, Valentina e Edoardo sono solo tre dei Digitalist di Italiacamp, in prima linea per portare la rivoluzione di Internet a tutti.

Gaspare, ragioniere a 80 anni

E cittadino digitale di Niscemi a 82. Grazie a Operazione Risorgimento Digitale Gaspare scopre la rivoluzione di Internet e le grandi opportunità fornite dal mondo digitale

Una frase per cominciare: «Benvenuti a Operazione Risorgimento Digitale»

Una testimonianza da Marsala per la prima volta della nostra Scuola di Internet diffusa, inclusiva e gratuita.

Al fianco dei territori per fornire oggi le soluzioni di domani utili a tutti: l’esempio di Capalbio (GR)

Insieme a Huawei nel supportare i piccoli centri del nostro Paese fornendo soluzioni tecnologiche e innovative utili a tutti. A disposizione anche strumenti tecnologici per ragazzi svantaggiati delle elementari e delle media.